Fase 2, un bonus alle attività colpite dalla serrata anti-Covid-19

Verde, invasione di coccinelle: sono innocue, rispettiamole
6 Giugno 2020
Sulla Corte dei Conti, la sinistra non ha capito niente
7 Giugno 2020

TRINITAPOLI – Un sostegno economico alle attività produttive penalizzate dalla serrata anti-Covid: è stato pubblicato l’avviso pubblico valido fino al 26 giugno, in seguito alla delibera proposta dagli assessori alle Attività produttive, Antonietta de Lillo, e Bilancio, Emanuele Losapio.

Un contributo straordinario sarà erogato a tutte quelle attività trinitapolesi iscritte alla Camera di Commercio che hanno risentito della chiusura nei mesi dell’emergenza. La somma sarà erogata sulla base delle disponibilità dell’Ente e del periodo di effettiva chiusura dell’esercizio.

Per richiederlo, c’è tempo fino all’ultimo venerdì di giugno: basta compilare un modulo disponibile sul sito del Comune di Trinitapoli ed inviare una pec a protocollo@pec.vivitrinitapoli.info avente ad oggetto “Emergenza Covid-19. Richiesta di contributo economico straordinario per le attività produttive”.

«Si tratta di un ulteriore aiuto all’economia locale – spiega l’assessore de Lillo – che non abbiamo voluto far mancare ai nostri esercenti. La ripartenza è stata immaginata dal Governo a completo carico e responsabilità delle attività. Per questo abbiamo coperto le spese del primo ciclo di sanificazioni, abbiamo varato in piena pandemia la riduzione Tari per gli esercizi nei mesi di chiusura. Senza dimenticare l’esenzione completa della Cosap per tutto il 2020».

«In molti casi abbiamo inteso anticipare il Governo – aggiunge l’assessore Losapio – assicurando ogni sostegno possibile a chi dal 4 o dal 18 o dal 25 maggio sta faticosamente riprendendo un discorso produttivo ed economico interrotto bruscamente col Dpcm dell’11 marzo. Aver approvato il Bilancio a fine 2019 ci ha dato la possibilità di attivarci prontamente per fronteggiare l’emergenza e restare vicini ai protagonisti della nostra economia cittadina sin dalla fase critica, immaginando e preparando da subito la “fase 2”».