Cultura, domani monumento e piazza in omaggio allo scultore Di Pillo

Provincia, Albore: «Entro un mese sistemeremo tutta Via Foggia»
4 Giugno 2019
Informatizzazione, da oggi certificati più veloci con Anpr
7 Giugno 2019

TRINITAPOLI – Domani dalle 10, collocazione di un busto bronzeo di Antonio Di Pillo che da domani porterà il nome dello scultore abruzzese che aveva scelto Trinitapoli come città di adozione. Quello di domattina è il terzo ed ultimo appuntamento per ricordare e celebrare Di Pillo: gli studenti del liceo “Scipione Staffa”, l’assessorato alla Cultura di Marta Patruno ed un comitato di cittadini hanno curato tutti gli eventi: lunedì 27 maggio (presentazione di un libro); giovedì 20 convegno (convegno al liceo); e domani inaugurazione di piazza e monumento, opera dello scultore Christian Loretti.

Saluti dell’assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione, Marta Patruno e della presidente del Consiglio, Nicoletta Ortix a fare gli onori di casa. A seguire, gli interventi del sindaco Francesco di Feo, del dirigente scolastico Carmine Gissi e del nipote dello scultore celebrato, Giuseppe Di Pillo, che per i 3 appuntamenti ha messo a disposizione la Collezione Di Pillo, custodita dagli eredi.

Il 27 maggio presso la Biblioteca comunale nell’ambito della rassegna “Il Maggio dei libri”, era stato presentato il volume curato da Grazia Stella Elia, “Antonio Di Pillo. Un Artista del Tavoliere”, e pubblicato dall’Istituto scolastico “Scipione Staffa”, che contiene testimonianze di Salvatore Giannella, Antonietta d’Introno, Rosa Sarcina, Maria Giovanna Regano, Luigi Di Cuonzo, Carmine Gissi, Marta Patruno, Silvestro Miccoli, Rosario Manna.

Il 30 maggio nell’Atrio dell’Istituto scolastico “Scipione Staffa” si era tenuto il dibattito “Omaggio ad Antonio di Pillo”, sulla vita e le opere dello scultore abruzzese. Tra gli intervenuti, Pietro Marino, critico d’Arte de “La Gazzetta del Mezzogiorno” e Gaetano Mongelli, docente di Storia dell’Arte medievale e moderna presso l’Università degli Studi di Bari. Nella stessa giornata nella Sala Arancio del liceo era stata inaugurata la mostra, per la prima volta a Trinitapoli, dopo quella prestigiosa curata da Clara Gelao nel 2011 presso la Pinacoteca della Provincia di Bari. L’esposizione chiuderà proprio domani, 8 giugno.