Andria, ricordo della sciagura ferroviaria di 2 anni fa

Rifiuti, di Feo: “Metta ha comprato Ronaldo. Ma su Sia occorre dire la verità”
12 Luglio 2018
Rifiuti, 3 sindaci: “Andiamo avanti secondo quanto stabilito in Prefettura”
12 Luglio 2018

TRINITAPOLI – “Fu la tragedia della quotidianità e il pensiero va ancora a quelle 23 vittime di 2 anni fa”. Il sindaco di Trinitapoli, Francesco di Feo, ricorda così la sciagura ferroviaria sul binario unico tra Andria e Corato, il 12 luglio 2016, al chilometro 51 della tratta Bari – Barletta. La collisione tra 2 treni causò quella che resta infaustamente nella storia come la più grande sciagura ferroviaria che la Puglia pianga

“A morire in una torrida giornata d’estate – commenta – furono nostri amici, conterranei, che andavano a lavoro, a sostenere un esame, partivano per le vacanze. Oggi, in rappresentanza dell’amministrazione comunale abbiamo portato il saluto istituzionale ad Andria, nella consapevolezza che le infrastrutture del Sud debbano essere riformate approfonditamente, perché non capitino più sciagure come quella che ricordiamo oggi”.

Comments are closed.