Il centrodestra: “Solidarietà a Iannella. Impossibile far capire a Marrone”

Rifiuti, di Feo all’Ager: “Su Sia serve intervento della Regione per garantire maestranze e servizio”
10 maggio 2018
Turismo, oggi alle 16 Comune e Borghi autentici presentano “Comunità ospitale”
14 maggio 2018

TRINITAPOLI – Solidarietà alla professionista prima ancora che all’assessore, ancora una volta offesa dalla maleducazione sconnessa di chi non è neppure degno di pronunciarsi su certi temi. Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Forza Italia, Lega e La Fabbrica del Futuro esprimono vicinanza all’assessore Maria Iannella, oggetto di un vile attacco mediatico ancora una volta da parte di Francesco Marrone.

Il consigliere del Movimento 5 Stelle di Trinitapoli si trovava a Margherita di Savoia e da lì commentava le immagini dell’emergenza rifiuti di queste ore. Forse era confuso, avendo anche sbagliato città, perchè poi ha tirato in ballo all’improvviso l’assessore Iannella, nongià per le scelte amministrative, ma per abbandonarsi a vili scherni sulla professionalità della dottoressa. Cose che dette da lui suonano ridicole, come chi le ha pronunciate, ma che imporrebbero che qualcuno gli insegnasse come stare al mondo da persona civile a 40 anni.

Impossibile far capire a Marrone, non nuovo a certi accanimenti gratuiti e sproloqui contro le donne da una parte e dall’altra, la differenza tra la buona educazione e il diritto di critica.

Impossibile far capire a Marrone che è un consigliere comunale di Trinitapoli e non il fustigatore dei costumi del mondo, e che le istituzioni si rispettano sempre. Come le persone.

Impossibile far capire a Marrone che esiste un limite di decenza tra la critica amministrativa e la diffamazione di gente seria, che, al contrario suo ha studiato una vita e si dedica al prossimo, e non a polverose chiacchiere.

Impossibile far capire a Marrone che, se non si fida della dottoressa Iannella, comunque è urgente che trovi un medico che lo indirizzi verso più sane attività.

Impossibile far capire a Marrone l’opportunità di tacere su cose che non si dicono veramente. Cita Peppino Impastato e si paragona arditamente: ma Impastato faceva nomi e cognomi. Marrone gioca col dico/non dico. Se sa qualcosa di recenti episodi di cronaca nera vada alle Forze dell’Ordine. Noi non sapevamo dell’accaduto, e chiaramente siamo vicini a chi l’ha subito. Lui, se sa, parli chiaro.

Impossibile far capire a Marrone.

Comments are closed.