Scuola, di Feo: “Perchè Lombardo-Radice è un istituto davvero all’avanguardia”

20170829_scuola_radice (1)

TRINITAPOLI – Inaugurata 2 giorni fa la scuola di Via Radice, l’istituto elementare da un anno oggetto di interventi di messa in sicurezza ed efficientamento energetico.

IL DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI | I lavori erano cominciati lo scorso autunno, sfruttando un finanziamento regionale di 960mila euro di fondi Cipe. Oggi, l’istituto Lombardo-Radice si presenta sicuro, nuovo, ampliato con nuove aule didattiche ed adeguato alle vigenti norme sull’impiantistica.

Ricordando lo stato precedente della scuola – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Giustino Tedesco – , non è difficile immaginare la necessità del rifacimento dei cornicioni e marcapiani, col ripristino del calcestruzzo armato e dei ferri ammalorati”.

Adeguati gli standard di sicurezza degli infissi interni ed esterni. La pavimentazione in pietra, fortemente degradata, è stata sostituita con una nuova antisdrucciolevole, con proprietà anche antibatteriche e antinquinanti. E ancora: “Abbiamo migliorato il sistema di prevenzione degli incendi e di emergenza esistenti – aggiunge Tedesco – , con la riqualificazione e l’adeguamento degli spazi interni e lo studio cromatico delle pareti”.

Ripristinati ed adeguati gli impianti elettrici e di riscaldamento, abbattuta ogni barriera architettonica, installando anche all’interno un’apposita ascensore per disabili.

OPPORTUNE SINERGIE | “Si è trattato di un lungo intervento deciso e strutturato che abbiamo programmato nel tempo – commenta il sindaco Francesco di Feo – , convinti che la sicurezza e l’efficienza degli istituti scolastici siano requisiti minimi da garantire a chi, alunni, docenti e personale, frequenta le scuole cittadine, ma anche alle famiglie che hanno diritto alla serenità. Devo ringraziare l’assessore Tedesco, sempre attento col suo staff, in primis il dirigente Salvatore Grieco, a reperire fondi essenziali per il Comune. E devo fare un plauso all’assessore Marta Patruno, sempre capace di gestire i rapporti con le scuole con la competenza e la dolcezza di un pubblico amministratore che guarda al futuro”.