Sociale e cultura, domani alle 11 conferenza stampa di presentazione “Stop drugs. Accendiamo la vita, spegniamo la droga”

benusiglio_giorgia

TRINITAPOLI – “Stop drugs. Accendiamo la vita, spegniamo la droga”. Questo è il titolo di un progetto dell’assessorato alle Politiche sociali e di quello alla Cultura del Comune di Trinitapoli con il patrocinio di Regione Puglia e Provincia Bat, con l’unico obiettivo  di entrare nelle scuole per parlare ai giovani di un problema che trafigge con finali il più delle volte disastrosi la nostra società: la droga. Conferenza stampa di presentazione, alle 11 di giovedì 26 gennaio in Comune.

FORUM | Il progetto è articolato su due Forum Giovani nella giornata di venerdì 27 gennaio, entrambi presso l’Auditorium dell’Assunta di Trinitapoli in Via Marconi. Il primo alle 9.30 rivolto agli studenti delle scuole medie, e il secondo alle 11.30 riservato agli studenti di scuola superiore. Nell’intervallo di tempo che separa un Forum dall’altro verrà fatta alla presenza degli studenti la commemorazione della Shoa con l’accensione della Menhora, il candelabro ebraico con una lettura di un passo da parte di una giovane attrice della scuola di Teatro Atto Zero. Tra gli ospiti del forum oltre alle autorità regionali, provinciali e comunali sia civili che militari, a parlare agli studenti saranno la psicologa, psicoterapeuta e scrittrice Santa Fizzarotti Selvaggi, il Dirigente medico Sert Asl Bat Leonardo Pallotta, e la promotrice del progetto (unitamente all’assessorato alla Cultura di Marta Patruno), l’assessore alla Politiche sociali e medico, Maria Iannella.

LA TESTIMONIANZA DI GIORGIA BENUSIGLIO | Il punto cardine dei due Forum Giovani sarà senza dubbio la presenza di Giorgia Benusiglio, una ragazza che all’età di 16 anni in compagnia di amici assunse mezza pasticca di ecstacy e conseguentemente entrò in coma e subì il trapianto del fegato. Da quando Giorgia è ritornata alla sua vita normale , ha deciso di dedicare il resto della sua esistenza alla prevenzione sull’uso delle droghe girando l’Europa e parlando ai giovani della sua tragica esperienza.

PLACIDO RACCONTA CALIFANO | La giornata del 27 gennaio si chiude con lo spettacolo teatrale che si terrà sempre presso l’Auditorium dell’Assunta. Interpretato da Michele Placido che tra monologhi e canzoni racconta ed interpreta la storia artistica del poeta cantautore, Franco Califano. Obolo volontario, presso il Museo degli Ipogei (tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 20), con la formula del crowdfunding, a partire da 10 euro. Senza obolo volontario non sarà possibile accedere all’Auditorium con i posti assegnati e numerati. Sipario alle 20.30.

ARTE E CREATIVITÀ | Al progetto prendono parte con una giornata a loro dedicata le classi di quinta elementare degli istituti Don Milani e Garibaldi – Leone, che esporranno alcuni disegni sul tematici con l’assistenza di due psicologhe e la pittrice Assunta Fino (Assia). Con i disegni dei bambini sarà allestita una mostra presso il Museo degli Ipogei giovedì 26 gennaio (dalle 9.30 alle 13 per le scuole e dalle 18.20 al pubblico). Il disegno che si sarà distinto tra tutti verrà premiato con due borse di studio da 150 euro da spendere in cultura (acquisto libri di testo, narrativi, biglietti spettacoli musicali o teatrali). La borsa di studio sarà messa a disposizione dall’associazione culturale Standing Ovation di Gerardo Russo, che ha inoltre realizzato l’intero progetto e curato il coordinamento organizzativo dell’evento.