Edilizia sociale, Tedesco: “Partita la costruzione di 8 nuovi alloggi in Zona 167”

Cultura, Patruno: “Bonus di 500 euro per i neodiciottenni con 18app”
22 dicembre 2016
Natale, “Note di celluloide” per il concerto di Santo Stefano all’Assunta
23 dicembre 2016

TRINITAPOLI – Partiti i lavori per la costruzione di nuove palazzine di edilizia sociale in Via Mandriglia, mentre al quartiere Unrra Casas sono ripresigli interventi di ammodernamento e valorizzazione dell’intera area.

A marzo scorso, era stata firmata la convenzione tra Comune di Trinitapoli ed Arca Capitanata, per la costruzione di 8 nuovi alloggi nella Zona 167. Il Consiglio comunale aveva poi approvato il programma di riqualificazione per la Zona Peep interessata all’intervento.

Un finanziamento di 1,2 milioni di euro da parte della Regione Puglia, nell’ambito del “Fondo di Sviluppo e coesione 2007 – 2013 Regione Puglia – Accordo di Programma Quadro – settore Aree urbane – Città”. I fondi erano stati ottenuti in primavera dal Comune di Trinitapoli, per edificare in un’area vasta circa 1500 metri quadri, ricavata dalla rimodulazione degli standard urbanistici presso la 167. A giugno, l’aggiudicazione dei lavori, secondo la tabella di marcia imposta dagli uffici regionali.

“I lavori in corso – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Giustino Tedesco – permetteranno la costruzione di 8 nuovi appartamenti da destinare ai cittadini che ne hanno fatto richiesta e sono attualmente in graduatoria. Queste realizzazioni si aggiungono agli sforzi prodotti in questi anni al quartiere Unrra Casas, dove abbiamo appaltato il completamento di 36 nuclei abitativi del primo ciclo di interventi. Il secondo stralcio, dopo i primi 60, riguarderà 12 alloggi in 3 palazzine. Seguirà un terzo stralcio, per il quale il Comune sta programmando il trasferimento delle famiglie. E poi, ci sono gli alloggi ristrutturati in Via Mulini”.

“È sempre una bella notizia da dare ai tanti cittadini che attendono di soddisfare la propria esigenza abitativa – commenta il sindaco Francesco di Feo – . Resta nostra intenzione allargare la graduatoria, con l’obiettivo di esaurirla nel più breve tempo possibile. Siamo riusciti a porre mano ad un problema che attendeva soluzione da oltre 30 anni e pian piano i risultati ci stanno dando ragione, anche grazie al lavoro e l’impegno dei nostri impiegati comunali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.