Turismo, di Feo: “Il progetto del boschetto Santa Chiara è realtà”

Cultura, di Fidio: “Giovedì e venerdì ‘Filosofiamo’ coi bimbi in biblioteca”
18 aprile 2016
Patrimonio, Ortix: “Ex casa mandamentale acquisita dal Comune a costo zero”
22 aprile 2016

TRINITAPOLI – Mille euro annui a base d’asta per la gestione del boschetto Santa Chiara. Il Comune di Trinitapoli ha pubblicato il bando per la presentazione delle manifestazioni di interesse finalizzate al funzionamento dell’area attrezzata in direzione Barletta.

Il termine per presentare le offerte è fissato per le 12 del 29 aprile. Il giorno successivo, l’apertura delle buste. Per far quadrare i conti, il gestore potrà fissare una quota di ingresso ai visitatori, attivare un punto ristoro e servizi, rendicontando annualmente al Comune.

“Terminate le procedure di gara ed affidamento – fa sapere l’assessore allo Sport, Marta Patruno – , procederemo con l’inaugurazione di quell’area di verde attrezzato, ampia circa due ettari. Si tratta di un’opera importante, costata ben 150mila euro di fondi Psr (misura 2.2.7). Percorsi acrobatici nel verde, con piattaforme e cavi in acciaio tra un albero e l’altro, per adulti e per i più piccoli. In sicurezza e divisi per gradi di difficoltà. Insomma, un’area in cui sarà possibile liberamente sostare, fare sport e movimento all’aria aperta. A due passi dal mare”.

Sono oltre 15 anni che Trinitapoli aspettava il recupero di quell’area. Oggi, il bando di gestione prevede un utile per il Comune oltre all’attivazione di vari servizi, per 12 mesi l’anno: “Chi si aggiudicherà l’asta – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Giustino Tedesco – si impegna a versare ogni anno l’equivalente della propria offerta, più i 5mila euro per la manutenzione del verde pubblico e gli interventi straordinari che, quindi, non hanno nulla a che vedere con la base d’asta. Questi soldi saranno destinati agli interventi previsti nei primi quattro anni di gestione. Compresa nel bando, anche la manutenzione ordinaria annuale delle strutture e aree gioco esistenti”

Ogni anno, poi, il gestore che a fine mese si aggiudicherà il compito di tenere attivo e fruibile il boschetto Santa Chiara “dovrà assicurare  – elenca il vicesindaco ed assessore al Verde, Andrea Minervino – sfalcio e rasatura erba, con almeno un intervento mensile in aprile, maggio e settembre e due interventi mensili in giugno, luglio, agosto; potatura di alberi per la sicurezza degli utenti. E ancora, pulizia giornaliera dell’area da maggio a settembre e con un intervento settimanale nei restanti periodi”. Gli interventi dovranno essere preventivamente concordati con gli uffici comunali: “Il materiale di potatura – prosegue Minervino – resterà proprietà del Comune”.

“Non avere il mare – osserva il sindaco Francesco di Feo – non significa non poter immaginare e concretizzare un’offerta turistica funzionale anche al turismo balneare. La particolare posizione geografica dell’area di Santa Chiara fa sì che quel boschetto possa offrire servizi, svago, divertimento, fresco, a stretto contatto con la via del mare. Si tratta di un’altra realizzazione di questa amministrazione che anche su questo punto aveva assunto un impegno coi cittadini: intercettare finanziamenti per recuperare e rilanciare l’area. Una struttura simile, che garantisce sport nella natura non ha eguali nel circondario, se per trovare la più vicina si devono percorrere oltre 85 chilometri fino al Daunia Avventura di Biccari. Un territorio cresce strategicamente anche e soprattutto attraverso la valorizzazione delle risorse che ha”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.