Sociale, Patruno: “Possibilità di contributi per integrazione del reddito e assistenza abitativa”

 

patruno_sindaco

TRINITAPOLI – Possibilità di contributi per coloro che si trovano in condizioni di disagio economico. L’Assessorato ai Servizi sociali informa i cittadini di Trinitapoli della possibilità di integrazione del reddito e dell’assistenza abitativa. Trentaduemila euro complessivi che trovano imputazione nel bilancio 2015, per provare a far fronte ai problemi di chi versa in situazione di bisogno socio-economico.

Per accedere, occorre presentare presso lo sportello comunale dedicato l’istanza, unitamente alla documentazione comprovante i requisiti di indigenza e difficoltà.

Sono 23.558,94 i fondi destinati al contributo ad integrazione del reddito. Oltre 6500 euro per utenze domestiche, farmaci vitali, sfratti esecutivi in presenza di minori; 2mila per spese funerarie. Per Spesa Amica, poi, 15mila euro che verranno utilizzati nella parte finale dell’anno in corso: “Il progetto – spiega l’assessore ai Servizi sociali, Marta Patruno – partirà per il terzo anno, in autunno, per svolgersi da dicembre a febbraio. La scelta del periodo non è certo casuale: in un territorio come il nostro, a vocazione agricola, quello è il momento dell’anno in cui c’è meno lavoro e quindi le famiglie necessitano maggiormente di una mano”. Si tratta di un contributo spalmato in 3 mesi, destinato alla spesa alimentare di oltre 60 nuclei familiari di trinitapolesi in difficoltà. Per i criteri di accesso, anche nel 2016 sarà pubblicato un apposito bando, contenente il modulo di presentazione delle domande.

Per i contributi alle famiglie per assistenza abitativa, il Comune ha invece destinato 8400 euro. “Si tratta di garantire, ove possibile – osserva il sindaco Francesco di Feo – , la prosecuzione dei contributi per integrazione dei canoni di locazione per famiglie indigenti, dando precedenza a coloro che sono già attenzionati dai servizi sociali. Parallelamente, per venire incontro alla emergenza abitativa, vera piaga di questa fase socio-economica, stiamo procedendo con la riqualificazione del quartiere UnrraCasas: già consegnati 24 nuclei abitativi, aspettiamo l’ok al progetto di completamento dei lavori per altri 36 alloggi, che si aggiungono ai 12 appartamenti di Via Mulini per i quali stiamo impegnando una somma ragguardevole pari a 600mila euro”.